Città di Sorrento

Sorrento  è una cittadina in provincia di Napoli , sul versante nord-occidentale della penisola che da essa prende nome; il centro si distende armoniosamente sopra un alto terrazzo tufaceo, che domina a picco il mare da un'altezza di 50 metri, in mezzo ad una rigogliosissima vegetazione.

Voli eDreams
Voli
Viaggi eDreams
Viaggi
Hotel eDreams
Hotel
eDreams
HOTEL NEL MONDO
Scegli la città:
Data arrivo:
Data partenza:
Camere:
Adulti per camera:
Bambini per camera:

Questa bella cittadina è un ideale luogo di vacanza da cui si raggiungono facilmente altre località limitrofe di grande rilievo archeologico, storico turistico e paesaggistico quali Pompei, Ercolano, Napoli, Capri, Positano, Amalfi, Ravello, Vietri sul mare, Ischia, Procida e tante altre.

Storia 

Le origini del nome
Il toponimo "Sorrento" pare tragga derivazione dalla denominazione "Sirenide" forse anticamente data alla zona, denominazione collegata alla supposta identificazione di Sorrento con il luogo di presenza delle Sirene, leggendarie creature che la tradizione omerica ci ha tramandato come metà donne metà pesce, che ammaliavano i naviganti con i loro canti facendoli di conseguenza naufragare contro le scogliere.

Fondata molto probabilmente dai greci, Sorrento subì temporaneamente la supremazia degli Etruschi e poi, dal 420 a.C., l'influsso degli Oschi. In età romana è ricordata per aver partecipato all'insurrezione degli Italici (90 a.C.); vi fu quindi dedotta da Silla una colonia, a cui seguì più tardi uno stanziamento di veterani di Ottaviano. Fu poi municipio della tribù Menenia. Fu sede vescovile almeno dal 420. Durante la crisi del dominio bizantino in Italia, Sorrento acquistò autonomia come ducato, prima sotto la supremazia dei duchi di Napoli, poi con arconti e duchi propri, sempre in lotta con Amalfi, Salerno ed i Saraceni. La storia di Sorrento si confonde con quella delle altre città campane; prese parte alle leghe anti musulmane; combatté i Longobardi di Benevento; conobbe lotte familiari tra i nobili locali. Obbligato nel sec. IX da Guaimario principe di Salerno ad accettare come proprio duca il fratello, Guido, il Ducato di Sorrento riprese la propria autonomia dopo la morte di quest'ultimo per poi perderla definitivamente nel 1137, assorbito nel nuovo regno dei Normanni. Sorrento seguì da allora le sorti del regno, non senza ribellioni e conflitti, specie all'inizio dell'età aragonese. Nel 1558 fu presa e saccheggiata dai Turchi; nell'inverno del 1648 la città sostenne valorosamente l'assedio di Giovanni Grillo, generale del duca di Guisa.

città città città città città città città città città città